/* -->

sabato 27 agosto 2016

RECENSIONE | Chocolat di Joanne Harris

Buon sabato amiche e amici,
spero che stiate tutti bene e stiate passando un agosto quanto più sereno possibile! Il tempo della mia agonia finalmente sta finendo e tra pochissimi giorni andrò al mare!!! 
Prima di salutarci, però, volevo parlarvi dell'ultimo libro letto, che, udite udite, ha terminato la Reading Challenge di Goodreads! 
Cavolo, non me lo sarei mai immaginato di leggere 40 libri in un anno, figuriamoci in soli 8-9 mesi. Quando a gennaio inserii il numero di libri per la mia sfida, ho addirittura esagerato la cifra. 
Di questo traguardo [banale ma anche rappresentativo della lettrice che è in me] devo ringraziare anche voi, miei preziosi amici e lettori, perchè non ce l'avrei mai fatta senza il vostro incentivo!! :) Quindi GRAZIE!



Chocolat ♦ di Joanne Harris ♦ pubblicato da Garzanti ♦ nel 1999 ♦ traduzione di Laura Grandi Genere: Romance ♦ Pagine: 352 ♦ letto in formato cartaceo



È martedì grasso quando nel villaggio di Lansquenet arrivano Vianne Rocher e la sua giovane figlia Anouk. La donna è assai simpatica e originale, sexy e misteriosa, forse è l'emissaria di potenze superiori (o magari inferiori). La Céleste Praline, la sua pasticceria, ben presto diviene un elemento di disordine, soprattutto per il giovane curato Francis Reynaud. Il tranquillo villaggio diventa più disordinato, ribelle e soprattutto felice.










Molti anni fa uscì il film tratto da questo libro: davvero bello! 
Per anni avrei voluto leggerlo e finalmente ci sono riuscita!
La storia creata da Joanne Harris è potente, magica, dolce, seducente, stimolante... e poi durante la lettura mi è spesso venuta voglia di una tazza di cioccolata. Certo, i personaggi non fanno altro che sorseggiarla!! Io, invece, me ne sono preparata solo 2 durante l'intera lettura del libro! Poche no?! :)


Vianne è una donna molto determinata, con un bagaglio di vita davvero particolare e avventuroso. La donna arriva in un tranquillo paesino francese insieme alla figlioletta Anouk e all'amico immaginario Pantoufle, portando con sé un vento nuovo e ricco di cambiamenti che solo alcune persone sono in grado di cogliere. Tra questi c'è il giovane ma conservatore curato Reynaud, che male interpreta l'arrivo di Vianne, l'apertura della pasticceria e il suo modo di vivere in generale. Sente quindi il bisogno di intervenire contro la nuova minaccia del "maligno", che, insieme alla comparsa di un gruppo di nomadi, sviano i suoi fedeli dalla retta via con dolci delizie.
Pagina dopo pagina, la seducente atmosfera del paesino francese anni '90, Lansquenet, apre le porte sui segreti dei suoi pochi ma caratteristici abitanti.



Libro e film non coincidono se non per pochi elementi come alcuni personaggi principali, ma situazioni e azioni cambiano parecchio. Devo dirvelo però, nonostante il libro sia bello e assolutamente da leggere, il film è più romantico e con un finale secondo me migliore! (Prediligo il lieto fine nelle storie d'amore).

Vianne è un personaggio imparagonabileÈ forte ma dolcissima. Riesce a captare i pensieri della gente ma ha paura dei suoi poteri empatici per le possibili ripercussioni sulla sua vita e su quella della piccola ma perspicace Anouk.
La sua esistenza è stata segnata, nel Bene e nel Male, dal continuo girovagare con la madre, in perenne fuga dall'Uomo Nero. Veniamo così a conoscenza di alcuni aneddoti della sua infanzia e della sua giovinezza, delle pratiche magiche della madre, delle sue superstizioni e fragilità e di un improbabile segreto. 

In alternanza alle confidenze di Vianne, entriamo in intimità con i pensieri del curato Reynaud, che, convinto della propria missione divina, comincia una vera battaglia contro la sua sensuale nemica e il cioccolato tentatore! Impossibile non ridere ai suoi ragionamenti! Questo scambio di punti di vista vivacizza la storia.

Mi è piaciuto molto questo romanzo, ma avrei preferito una maggiore componente sentimentale (e chi se lo dimentica Jhonny Depp nella parte del nomade). Inoltre, a tratti ho sentito un po' di pesantezza nella narrazione, ma tutto sommato la curiosità  di proseguire la storia è stata tanta.


Mi ha molto entusiasmato sapere che la bravissima Joanne Harris ha scritto, tempo dopo Chocolat, il seguito delle avventure di Vianne, Il giardino delle pesche e delle rose. Voglio assolutamente leggerlo! Dev'essere un altro libro stupendo stando alle recensioni su Ibs.

Vi consiglio vivamente di leggere questo libro ma sopratutto i romanzi di Joanne Harris, autrice che mi ha emozionato, appassionata e conquistata. 
Joanne Harris entra di diritto tra le mie autrici preferiti!
Buon proseguimento, a domani con i saluti!







4 commenti:

  1. Ciao Nik sono felice che stanno per arrivare le attese vacanze! Le nie purtroppo stanno per finire :( grande recensionedi Chocolat,complimenti!❤️ Joanne Harris e' una delle mie scrittrici preferite, chocolat lo adoro, il seguito "le scarpe rosse" l'ho letto appena e' stato pubblicato, ma, sebbene lo stile sia accattivante,non l'ho trovato all'altezza e neache il terzo "il giardino delle pesche e delle rose" mi ha colpita come "chocolat". Insomma "chocolat" e' "chocolat" xD il libro che preferisco in assoluto della Harris e' "la donna alata" che pero' ha altri protagonisti, se non l'hai gia' letto te lo consiglio ^_^ a presto, un abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely!! Avevo proprio bisogno di qualcuno che mi desse delle dritte sui libri di questa fantastica autrice. Vorrei leggerli tutti ma ovviamente non è possibile e quindi devo dare precedenza a qualcuno. La donna alata mi sembra un'ottima scelta!!

      Ah! quindi le scarpe rosse è il secondo e Il giardino delle pesche il terzo? Wow, è prolifica come scrittrice!!

      Un abbraccione!!!

      Elimina
  2. Della Harris io ho letto soltanto Chocolat e "Le parole segrete" (quest'ultimo è stato di una noia mortale!)
    dopo il libro "Chocolat" mi sono cimentata nel film, restandone delusa! Troppe incongruenze!
    RIcordo di aver divorato il libro proprio come se stessi divorando un cioccolatino al latte!!! :) :)

    RispondiElimina
  3. Non so come, mi sono persa questa recensione. Quindi era doveroso recuperarla.
    Ho comprato il primo e il terzo della trilogia in edizione economica e non li ho ancora letti. L'idea era di iniziare solo dopo essermi procurata anche "Le scarpe rosse". Però a questo punto il profumo della cioccolata comincia a tentarmi!

    P.S. W il lieto fine!!!

    RispondiElimina

Hai pensieri che ti ronzano in testa? Questo è il posto giusto per scriverli!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...