/* -->

sabato 2 gennaio 2016

Review: Il viaggio della strega bambina

Buongiorno a tutti!
Ecco la prima recensione con un tema che tanto mi affascina fin da bambina: streghe, pozioni, incantesimi. Leggendo romanzi e saggi sull'argomento si incontrano le tristi storie vere di tante donne, ma anche uomini e bambini, massacrati dai loro contemporanei a causa di superstizioni religiose. La Chiesa, negli ultimi anni, ha chiesto scusa per aver causato la morte a centinaia, se non migliaia, di innocenti durante la caccia alle streghe, ma a cosa è servito? Ormai pagine e pagine sono giunte a noi come testimoni di un periodo buio e corrotto, dove giustizia e compassione vennero completamente svuotate del loro significato da coloro che, al contrario, primi fra tutti dovevano ergersi come difensori. 
Tuttavia, nell'ultimo secolo, varie filosofie di vita, tenute nascoste nei secoli, sono diventate di dominio pubblico grazie a personalità eccentriche, visionarie, diverse dal resto della massa. Una di queste filosofie è sicuramente quella di una vita vissuta in sinergia con la natura, dalla quale l’uomo può trarre tutto ciò di cui necessita, rispettando e onorando Madre Natura in ogni sua forma. In sostanza è quello che facevano le ‘streghe’: utilizzare ciò che la natura metteva loro a disposizione per procurarsi benefici fisici o di altro tipo. Nessuno oggi si sognerebbe di uccidere o bruciare coloro che cercano di vivere una vita non regolata dai canoni tradizionali, ma è ancora radicata nella mente dell'uomo l’ignoranza e la superstizione (oltre a tante altre cose), che sono sintomi della paura del diverso e prodromi di nuove cacce alle streghe, e per questo assolutamente da eliminare.

Dettagli
Autrice: Celia Rees
Titolo: Il viaggio della strega bambina
Editore: Salani (maggio 2011)
Classificazione: Letteratura inglese
Sequel: Se fossi una strega


Abstract
Mary rimane sola al mondo dopo che sua nonna è stata impiccata come strega. Per il suo bene viene mandata in America con una nave che ospita una numerosa congrega di puritani che vogliono attraversare l’Oceano per avere un nuovo inizio. Qui Mary ricomincia la sua vita lontana dalle superstizioni del suo tempo ma anche da ciò che le era familiare; ma non passa troppo tempo che anche nel Nuovo Mondo cade vittima di invidie e gelosie che porteranno a nuove accuse all'interno del villaggio. La sua sorte è incerta ma le pagine del suo diario ci fanno rivivere momenti del suo tragico destino.
  
Recensione
Molto interessante è la postilla inserita a inizio libro da una certa Allison Elmann, la quale racconta di aver trovato le pagine di un diario all'interno di una coperta molto vecchia, appartenenti, molto probabilmente, a una certa Mary. Sulla base di questa scoperta ha riordinato le carte costruendo piano piano una storia: quella della strega bambina!
Trovo questo primo approccio al libro molto interessante. A qualcuno ricorderà il caro Manzoni, che usò la finzione letteraria con I Promessi Sposi, o l’Ivanhoe di Walter Scott. Personalmente mi piace parecchio questo metodo di introduzione a una narrazione. Non so voi ma io, a questo punto del libro, mi immagino una storia fatta di misteri e segreti che devono venire lentamente a galla. E la cosa mi stimola a continuare la lettura. 
Ma chi è sta Allison Elmann che ha trovato il diario? Una persona molto fortunata direi io! A chi diavolo capita di trovare pagine del XVII secolo all'interno di una coperta altrettanto antica!? Deve essere stato elettrizzante il momento della scoperta. Inoltre, alla fine del libro viene data la possibilità a chi avesse ulteriore notizie sull'eroina del romanzo, Mary Newbury, di contattare la già citata Allison Ellman!!

Tutto l’andamento del romanzo è scandito dalle pagine di diario scritte dalla stessa Mary. Le date delle annotazioni sono incerte, ma vengono comunque riportate e comprendono il periodo dal marzo 1659 all'autunno del 1660.

I personaggi principali sono delineati dall'autrice in maniera prevalentemente psicologica. La parte estetica è pressoché tralasciata a qualche commento. Pensieri, paure e inclinazioni, invece, rendono perfettamente chiara la natura del personaggio che abbiamo davanti; cosa molto importante per far affezionare il lettore agli eroi della storia.

A questo punto mi sorge un piccolo dubbio: semplice romanzo o storia vera? Non posso dare una risposta alle mie domande ma non mi piace scartare ipotesi, qualunque sia il loro grado di stranezza. In questa vita, nulla ritengo impossibile!!
Comunque sia è un libro molto bello, sicuramente da leggere. Qualche annotazione era solo descrittiva dei fatti giornalieri e non aveva nessuna rilevanza ai fini dello svolgimento della storia, ma nulla è mai stato pesante o noioso o da saltare. La forma del diario è per me una configurazione sempre vincente perché da una pagina di diario all'altra il lettore può aspettarsi di tutto.

Dopo aver terminato il libro una cosa continuava a tormentare il mio cervello: non riuscivo a capire come fosse possibile lasciare casa, amici e tutto ciò che vi è più caro per colpa di perfetti sconosciuti che hanno la forza bruta dalla loro parte. Ancora oggi succedono cose del genere ma d'altronde quel periodo così oscuro è servito a rendere la giustizia più responsabile delle proprie azioni. Purtroppo è stato necessario il sacrificio di troppe vittime innocenti.










Nessun commento:

Posta un commento

Hai pensieri che ti ronzano in testa? Questo è il posto giusto per scriverli!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...